Carlo Favaretti

Martedì 13 Marzo 2012

In che modo ci si prende cura delle persone negli ultimi giorni di vita?

Lindqvist et al. hanno chiesto agli staff che assistono le persone negli ultimi giorni di vita di descrivere gli interventi non farmacologici. Nello studio sono stati coinvolti 16 gruppi impegnati nell’assistenza palliativa di persone malate terminali di cancro provenienti da 9 paesi, tra cui l’Italia.

I gruppi di lavoro hanno creato un elenco di 914 interventi (statements), che possono essere raggruppati in tre categorie:
• Assistenza all’individuo che comporta contatto con il corpo: molti interventi riguardavano la cura della bocca, la comodità della posizione; un argomento molto sentito anche la capacità di sapersi astenere dal “fare comunque qualcosa”,.
• Ascolto e dialogo, soprattutto con i familiari: “osare stare in silenzio con la persona in punto di morte”, “trovare un equilibrio tra il non nascondere informazioni…

View original post 251 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: